D&S - WS&E: Due aziende, un'unica entità per dare SOLUZIONI

Nuovo Database SCIP

Nell’ambito dell’attuazione del Piano d’Azione dell’Unione Europea per l’economia circolare, la Direttiva Quadro sui Rifiuti (WFD), direttiva UE 2018/854, ha conferito a ECHA il compito di sviluppare un database con le informazioni sugli articoli contenenti sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) incluse nell’elenco delle sostanze della Candidate List. A tale elenco vengono regolarmente aggiunte nuove sostanze nell’ambito del Regolamento REACH: elenco delle sostanze della Candidate List.

La banca dati ha tre obiettivi principali:
1.     Ridurre la produzione di rifiuti contenenti sostanze pericolose sostenendo la sostituzione delle sostanze preoccupanti negli articoli immessi sul mercato dell’UE.
2.     Mettere a disposizione informazioni per migliorare ulteriormente le operazioni di trattamento dei rifiuti.
3.     Consentire alle autorità di monitorare l’uso di sostanze preoccupanti negli articoli e avviare azioni adeguate durante l’intero ciclo di vita degli articoli, anche nella fase di smaltimento.

SCADENZE:
Il 5 Gennaio 2021 scatta l’obbligo di notifica a ECHA tramite il nuovo database SCIP per tutte le aziende che forniscono sul mercato dell’UE articoli in quanto tali o in oggetti complessi (prodotti), contenenti sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) incluse nell’elenco delle sostanze della Candidate List in una concentrazione superiore allo 0,1% in peso.

Il database SCIP, acronimo di Substances of Concernc In Products, garantisce che le informazioni siano disponibili durante l’intero ciclo di vita dei prodotti e dei materiali, anche nella fase dei rifiuti, e verranno quindi messe a disposizione degli operatori dei rifiuti e dei consumatori.